Paolo Piria

Nasce ad Alghero nel 1968, consegue la maturità classica, negli anni novanta si trasferisce a Parma dove collabora con la MontMar tre, prestigiosa casa d’asta d’ar te contemporanea, spesso viene inserito e venduto nei loro cataloghi, nel 2000 ritorna in Sardegna dove intensifica la ricerca e lo studio del colore e della materia, Nel 2005 decide di dedicarsi completamente alla sua ar te, iniziando una frenetica attività espositiva e contemporaneamente ottenendo i primi consensi sia nei concorsi sia nelle critiche:

Principali mostre personali:

I’opera di Paolo Piri a è caratterizzata fortemente dal colore e dal segno.
Lui ricerca la massima rifrazione alla luce del colore, (come dice spesso” immaginatevi una vita trascorsa vedendo solo in bianco e nero”) unendo all’interno dell’opera, il segno netto, dunque la razionalità, con la gestualità, il colore, il drypping cioè l’istinto, ma anche essendo uomo del suo tempo, cioè nato in piena cultura dei mas media, ed avendo visto la nascita dell’era informatica, è consapevole del continuo bombardamento di immagini atte ad imitare la realtà creando archetipi continui, nega questa, e fa si che la sua opera abbia ruolo di rappresentare l’inconscio, facendo attenzione che nessuna immagine riconoscibile si insinui nell’opera, dividendola, moltiplicandola, ripetendola, in tante cellule che la compongono, come i pixel del televisore o del computer o anche i tantissimi puntini colorati che compongono una fotografia nella carta stampata.

Alcune opere: