Sergio Canu

Nato ad Oristano il 2 marzo 1976.
Frequenta un corso privato di musica (1984 1992) e, successivamente l’Istituto d’Arte Carlo Contini di Oristano, dove consegue il diploma d’Arti Applicate (1998). Dopo gli studi e molteplici esperienze lavorative, tra cui un trascorso da titolare e socio di un laboratorio artigianale (2003 -2005), intraprende l’attività artistica per proprio conto. Canu studia il senso della sua introversa ricerca artistica anche attraverso le frequentazioni con un ipnologo professionista ( 1999- 2007).
Pratica diverse scelte tematiche, fra le quali dominerà quella delle cosiddette “Luci Plastiche”.

Il nome “Luci Plastiche”, nella sua semplicità, rende l’idea di ciò che rappresenta: una luce che rivela le plasticità di una forma. La figura protagonista del quadro è l’Anima, incarnata in una donna e illuminata dalla luce della coscienza. Il motto dell’Illuminismo settecentesco, “Abbi il coraggio di usare la tua propria intelligenza”, è in questo caso un’esortazione ad una cultura più spirituale e meditativa, che evolva il nostro emisfero emozionale, ad oggi ancora troppo ignorato. Lo sfondo piatto (e spesso nero) è chiamato dall’artista “Paesaggio emozionale” e rappresenta lo spazio infinito ove muovere l’infinita ricerca interiore.

Alcune opere: